PROGETTO EDUCATIVO 2020/2021

"LA NATURA E I SUOI QUATTRO ELEMENTI... UN MONDO DA CONOSCERE E RISPETTARE"

Premessa

Il progetto didattico che proponiamo offre ai bambini la possibilità di esplorare e conoscere l’ambiente che ci circonda, attraverso la scoperta della natura e dei suoi quattro elementi di base.

L’ambiente è un campo di esperienza che coinvolge direttamente i bambini e che li conduce verso una conoscenza intesa come scoperta autonoma di ciò che li circonda, utilizzando quello che la natura fornisce gratuitamente.

Autonomia vuol dire saper muoversi nell’ambiente, nel rispetto della sua natura e proprietà; significa anche conoscere l’ambiente e utilizzarlo per poter fare scoperte utili alla crescita individuale dei bambini, potenziando il loro “essere” nella natura ed interagendo con essa. 

Introduzione

Il progetto sui quattro elementi naturali (aria, fuoco, terra, acqua) si basa sul rapporto fra “ambiente interno” ed “ambiente esterno”, organizzando nel nido un mondo da mettere a disposizione dei bambini perché possano agire e conoscere, anche attraverso l’uso dei sensi.

L’attività del bambino deve scaturire da situazioni che sollecitano motivazione, curiosità ed esperienze esplorative. Si cercherà di trasmettere ai bambini il senso di importanza degli elementi, le loro proprietà e funzioni e, perché no, anche gli aspetti negativi come la loro pericolosità e l’inquinamento.

Ogni attività sarà alla portata dei bambini, tenendo conto della loro età e nel pieno rispetto del loro sviluppo.

Obiettivi

  • promuovere attraverso i sensi, il corpo e la mente il contatto con l’ambiente naturale circostante;
  • potenziare la curiosità, la spinta ad esplorare e capire, il gusto della scoperta, la motivazione a mettersi alla prova;
  • conoscere le caratteristiche dei quattro elementi naturali, comprendendo peculiarità, importanza e pericolosità;
  • aumentare la consapevolezza del rispetto per l’ambiente;
  • promuovere l’elaborazione di congetture ed ipotesi tramite l’osservazione, la manipolazione, la costruzione;
  • stimolare le tecniche espressive e comunicative;
  • sviluppare la capacità di lavoro in gruppo, di condivisione e di cooperazione con gli altri bambini.

Metodologia

  • osservazione dei vari elementi
  • laboratori esperienziali, scoperta, ricerca
  • giochi psicomotori
  • produzione grafica
  • costruzione di oggetti
  • fiabe, poesie, filastrocche e canti
  • lettura di immagini e conversazioni con i bimbi grandi
  • documentazione del lavoro attraverso elaborati ed osservazione delle educatrici, successivamente restituzione alle famiglie, al termine dell’anno
    Tutto il progetto sarà accompagnato da una storia con un simpatico e curioso personaggio protagonista: “Barattolo” .

………”Un giorno, un barattolo di marmellata vuoto fu gettato nel cestino dei rifiuti. Barattolo era così triste che decise di scappare dal cestino e andare ad esplorare il mondo…….. “

È un amico che sarà presente in ogni fase delle attività proposte e, nelle sue scoperte descritte nella storia, farà conoscere ai bambini tutti gli elementi della natura, contenendo al suo interno i diversi materiali che verranno utilizzati.

1. ARIA (OTTOBRE-NOVEMBRE-DICEMBRE)

L’aria: elemento essenziale per respirare e per vivere. L’aria che trasporta profumi e odori.

L’aria naturale: il vento che fa cadere le foglie dagli alberi, o che spinge la barca a vela nel mare, l’aria che fa volare gli aquiloni e girare le girandole, che rinfresca coi ventagli.

L’aria artificiale: il phon che asciuga e scompiglia, il riscaldamento dei caloriferi, il condizionatore per rinfrescare, il compressore per gonfiare i palloncini (uso dell’elio x far volare i palloncini).

L’aria che spegne e alimenta il fuoco.

L’aria con i suoi animali che volano come farfalle, uccelli, insetti, e con gli oggetti che volano come aerei, razzo, elicottero, mongolfiera.

L’aria e le nuvole sospese (e che poi diventano pioggia). L’inquinamento dell’aria: lo smog.

L’aria e i sensi : vista (vedere le foglie mosse dal vento) udito (sentire il rumore del vento), olfatto (sentire odori e profumi nell’aria), tatto (sentire la forza del vento sulla mano)

L’aria che produce il nostro corpo (respiro, starnuti, soffi…)

Attività:

Pittura soffiando sul colore a tempera con una cannuccia.

Osservazione dell’effetto del vento che fa cadere le foglie e ricerca delle strategie per riprodurlo.

Costruzione e decorazione di acquiloni, ventagli, girandole, bandierine, barchette a vela, farfalle ed uccelli per decorare i nostri vasi.

Realizzazione di scatoline degli odori (profumi con gli aromi).

Giochi psicomotori con i teli per ricreare il vento, con la palla che rimbalza, coi palloncini gonfiati con l’aria e con l’elio.

Osservazione delle bolle d’aria soffiando nell’acqua attraverso una cannuccia. Osservazione di una fiamma spenta da un soffio d’aria.

Osservazione della forza dell’aria che sposta la terra, la sabbia o i diversi materiali. Osservazione e scoperta degli animali che volano.

Osservazione e scoperta dell’aria inquinata: lo smog. Coinvolgimento dei bambini, cercando insieme a loro strategie per rispettare e mantenere pulita l’aria, nella vita di tutti i giorni.

Laboratorio speciale:

Verrà invitato presso il nostro nido un esperto che proporrà ai bambini un laboratorio legato al tema dell’aria :

Animatore con bolle giganti, ornitologo…. (La scelta avverrà in base alla disponibilità degli esperti interpellati)

2. FUOCO (GENNAIO-FEBBRAIO)

Il fuoco: fonte di vita, il sole

Il fuoco: fonte di luce e di calore

Il fuoco per cucinare e scaldare i cibi, per scaldare i materiali (sassi), Il fuoco dei vulcani

Il fuoco degli incendi: il pericolo …il fuoco brucia, scotta….

Il fuoco e i sensi: vista (i colori e le forme delle fiamme), udito (il rumore del fuoco), olfatto (l’odore della carta bruciata), tatto (calore della fiamma avvicinando la mano).

Attività:

Cottura di cibi insieme ai bambini.

Osservazione dei materiali bruciati…carta, legno…

Spegnimento delle candeline.

Colorazione con turaccioli anneriti dalla fiamma. Percezione del profumo dell’incenso bruciato.

Percezione al tatto dei materiali scaldati dal fuoco.

Giochi con luci e ombre: la scatola luminosa, il teatrino delle ombre. Riproduzione scenografica e osservazione del sole che sorge e tramonta. Costruzione di scenografie col fuoco (caminetto, falò degli indiani).

Disegno e colorazione del fuoco con diverse tecniche e materiali. Osservazione della fiamma spenta o alimentata dall’aria.

Osservazione della fiamma spenta dall’acqua. Osservazione della fiamma a contatto con la terra.

Laboratorio speciale:

Verrà invitato presso il nostro nido un esperto che proporrà ai bambini un laboratorio legato al tema del fuoco :

Vigile del fuoco.. (La scelta avverrà in base alla disponibilità degli esperti interpellati)

3. TERRA (MARZO-APRILE-MAGGIO)

La terra e le sue diverse ambientazioni:

Il deserto (sabbia, animali del deserto…), la città (case, strade, costruzioni, materiali con cui si costruisce, sassi, legno), le colline (prati, fiori, api/miele) , le montagne (boschi, frutti, coltivazione piante, produzione legno), la campagna (fattoria, allevamento, coltivazioni), i prodotti della terra (frutta, verdura, grano), i prodotti degli animali (uova, latte, lana delle pecore)

La terra e i sensi: vista (tipologie e colori diversi della terra), tatto (manipolazione della terra bagnata e asciutta), olfatto (odore della terra bagnata), udito (rumore prodotto dai diversi materiali), gusto (sapore dei prodotti della terra)…

L’inquinamento della terra. i rifiuti che si trovano nell’ambiente.

Attività:

Creazioni di diverse ambientazione con i rispettivi animali.

Semina nei vasetti e osservazione del processo di crescita delle piantine. Semina dei prodotti dell’orto.

Semina di lenticchie e fagioli nel cotone e osservazione della nascita di germogli. Cucina dei prodotti della terra.

Creazione di tempere per colorare con gli elementi della natura (verde con salvia o basilico, marrone col caffè, giallo con curcuma, arancione con paprika………….. ) .

Creazione di formine con la frutta.

Conoscenza e osservazione delle api e del loro lavoro: l’arnia. Travasi con sabbia, terra, farina, sassolini…

Costruzioni con materiali naturali (es. legno compensato, sassi) Portiamo al nido tartarughe e pulcini.

Scoperta di cosa c’è sopra e sotto la terra (es. animaletti, radici, frutti) Manipolazione con argilla, sassi, sabbia, e diversi materiali.

Creazione della scatola con la sabbia.

Osservazione critica dell’inquinamento e ricerca insieme ai bambini di strategie per tenere pulito l’ambiente (raccolta differenziata dei rifiuti).

Osservazione e manipolazione della sabbia magica…

Osservazione ed esperimenti con la terra a contatto con l’aria, con l’acqua, col fuoco.

Laboratorio speciale:

Verrà invitato presso il nostro nido un esperto che proporrà ai bambini un laboratorio legato al tema della terra :

Fattore, apicoltore, guardia forestale, vasaio della creta… (La scelta avverrà in base alla disponibilità degli esperti interpellati)

4. ACQUA (GIUGNO-LUGLIO)

Acqua dolce e salata… differenza tra fiume e mare. Gli animali che vivono nell’acqua.

L’acqua come pioggia che diventa neve e ghiaccio. L’acqua per bere, cucinare, impastare, riscaldare.

I mezzi di trasporto legati all’acqua (nave, barca, canoa, sommergibile…) L’acqua e l’igiene personale.

L’acqua legata ai sensi: vista (lago, mare, fiume, pozzanghera, pioggia, doccia), udito (il rumore dell’acqua che scorre o della pioggia), tatto (acqua calda e fredda), olfatto (acqua profumata), gusto (acqua dolce, acqua salata, acqua frizzante)

L’inquinamento dell’acqua.

Attività:

Laboratorio del mare con conchiglie e pesci da pescare. Osservazione di immagini con mare sporco e mare pulito. Pittura con acqua colorata e spruzzino.

Pittura impregnando col contagocce i dischetti di cotone idrofilo con acqua colorata.

Pittura con cottonfioc imbevuti nell’acqua Costruzione di barchette.

Lavaggio bambole e laboratorio sul tema dell’igiene.

Creazione di fiori di carta e osservazione degli stessi a contatto con l’acqua.

Osservazione e sperimentazione con spugne essiccate che si ingrandiscono se bagnate con l’acqua.

Costruzione artigianale di un acquario. Giochi con acqua fredda e calda.

L’inquinamento dell’acqua : piscina con acqua e riempita di vari elementi (elementi naturali come conchiglie e pesciolini ed elementi inquinanti come bottiglie di plastica, sacchetti di cellofan…: I bimbi dovranno ripulire la piscina dagli elementi inquinanti)

Piscina con acqua e con materiali che galleggiano e che vanno a fondo. Giochi con gavettoni.

Scoperta degli indumenti e degli accessori per la pioggia (ombrello, mantellina, cappello, stivali)

Creazione di ghiaccioli da mangiare e ghiaccioli per colorare. Travasi con l’acqua.

Osservazione dell’acqua a contatto la terra (manipolazione di diverse consistenze)

Osservazione dell’acqua che si muove e che fa bolle soffiando dentro ad essa con una cannuccia.

Osservazione dell’acqua a contatto col fuoco : dimostrazione del riscaldamento dell’acqua e della sua evaporazione.

Laboratorio speciale:

Verrà invitato presso il nostro nido un esperto che proporrà ai bambini un laboratorio legato al tema dell’acqua.

Subacqueo, …(La scelta avverrà in base alla disponibilità degli esperti interpellati).

OSSERVAZIONI FINALI

Al termine di ogni fase del progetto didattico, sarà premura delle educatrici elaborare delle osservazioni sull’andamento delle attività in relazione alla risposta dei bambini e raccogliere i lavori di ognuno di loro, così da poterli consegnare alle famiglie alla fine dell’anno.

PERCORSO EDUCATIVO

Il progetto comprende inoltre sei unità di apprendimento:
• Halloween
• Natale
• Carnevale
• Pasqua
• Mamma, papà, nonni, zii, fratelli e sorelle

IPOTESI OPERATIVA

Il personale operativo articolerà di volta in volta il percorso in base ai tempi del bambino, non ci sarà quindi rigidità da parte dei docenti ma disponibilità ad adattare la didattica alle esigenze dei piccoli

Verifica

La verifica del progetto e delle attività sarà fatta in modo costante per valutare la validità delle metodologie operative, in relazione al grado di interesse e partecipazione dei bambini e ci permetterà, in itere, di adattare le attività in base alla richieste che ci saranno fatte dai bimbi o dai genitori o alle difficoltà che si potranno eventualmente riscontrare nello svolgimento dei lavori.

Controllo, feedback e documentazione

La valutazione prevista ha la funzione di consentire una continua regolazione e calibrazione della programmazione didattica.
Il controllo sarà effettuato utilizzando strumenti soprattutto di tipo qualitativo (osservazione, confrontate,discusse e segnalate sui verbali e durante le riunione d’equipe) oltre che quantitativo.
È prevista la realizzazione di una documentazione in cui si raccolgono elaborati, schede operative e foto che documentano, anche tramite brevi didascalie, il percorso fatto durante tutto l’anno.